-----------------------------------

Acquista i software ArcGIS tramite Studio A&T srl, rivenditore autorizzato dei prodotti Esri.

I migliori software GIS, il miglior supporto tecnico!

I migliori software GIS, il miglior supporto tecnico!
Azienda operante nel settore GIS dal 2001, specializzata nell’utilizzo della tecnologia ArcGIS e aderente ai programmi Esri Italia Business Network ed Esri Partner Network

-----------------------------------



sabato 18 aprile 2009

ArcPad: scarica la "demo" e provalo subito!

Nonostante le mie buone intenzioni non ho mai ultimato questo articolo, nato per "celebrare" il rilascio della versione 8 di ArcPad.
Nel frattempo - a distanza di circa un anno - ESRI ha rilasciato anche la versione 10 (luglio 2010) .
Volevo però assicurarvi che il senso di questo articolo - nonchè dei numerosi "commenti" associati (molti dei quali ricchi di consigli e informazioni tecniche) - è rimasto tale: la possibilità di provare direttamente questo prodotto non richiede alcun investimento economico (a patto - ovviamente - di possedere già un palmare Windows Mobile) ed è un'esperienza che consiglio vivamente a tutti coloro che si occupano di GIS.

Cari utenti ArcGIS,
premesso che nei giorni scorsi è stata rilasciata la versione 8 di ArcPAD, mi è sembrato opportuno dedicare questo post al "piccolo" di casa ArcGIS.

Per chi ancora non lo conoscesse, ricordo che ArcPAD è il software ESRI utilizzabile su dispositivi palmari (Pocket PC, PDA phone e simili): un prodotto che consente quindi l'utilizzo della tecnologia ArcGIS anche "sul campo" (tipicamente per attività di rilievo o di verifica).
Tenete presente che, per quanto "piccolo", ArcPAD è il riferimento assoluto del settore "mobile GIS": pur non avendo dati oggettivi, non ho timore ad affermare che la sua diffusione in ambito professionale è tale da non lasciare spazio ad altri software.



Vi anticipo anche che ho in mente un articolo piuttosto ricco di informazioni, ma non aspettatevi tutto e subito: sappiate che completerò "l'opera" in più riprese!
Probabilmente lo farò prevedendo non un solo articolo "omnicomprensivo", ma 2 o più articoli più leggeri.

Il mio consiglio è quindi di rimanere "sintonizzati" su questo e i successivi post, giorno dopo giorno lo troverete sempre più ricco e, giusto per tentarvi, vi anticipo alcuni argomenti:
- la versione dimostrativa di ArcPad;
- documenti e modalità di autoformazione;
- il palmare "ottimale" per ospitare ArcPAD;
- prime impressioni su questa nuova versione;
- trasferimento dati tra ArcView e ArcPad;
- l'utilizzo di ricevitori GPS.

Iniziamo quindi con l'informazione forse più importante: potete scaricare una versione dimostrativa di ArcPAd dal seguente link http://www.esri.com/software/arcgis/arcpad/download.html
Anche in questo caso (esattamente come per la versione demo di ArcGis Desktop) vorrei precisare che la versione dimostrativa di ArcPad è perfettamente identica alla versione commerciale: stesse funzionalità e stesse capacità..
...l'unico "difetto", purtroppo, è che l'utilizzo è limitato a sessioni di lavoro di massimo 20 minuti!
In tutta sincerità mi sembra un limite più che sopportabile, direi anzi fin troppo "onesto"!
Quindi, dopo 20 minuti di utilizzo continuato, apparirà un messaggio di "termine sessione".
A questo punto dovrete necessariamente cliccare sul pulsante "OK", ArcPad vi chiederà se intendete salvare il vostro lavoro e poi si auto-terminerà.
Per proseguire nei test, sarà sufficiente avviare un'altra sessione di lavoro.
Sappiate che ogni volta che effettuate un avvio del software, ArcPAD vi richiederà di inserire il codice di utilizzo della licenza (registration number). Per accedere in modalità "evaluation" sarà sufficiente cliccare sul pulsantino rosso posto nella parte inferiore del video.

Tenete presente che l'unico requisito per effettuare il download è la registrazione nel "download database" di ESRI (esattamente come richiesto per scaricare ArcReader - vedi post del 27 marzo).
Se non lo avete ancora fatto, dovete compilare una breve scheda inserendo alcuni vostri dati, se invece vi siete già registrati, è sufficiente inserire l'indirizzo e-mail indicato in sede di registrazione.

Procedete quindi al download dei file di installazione e del documento PDF che illustra come effettuare l'installazione del prodotto.
Prima di procedere al download dovete verificare, ovviamente, che il vostro dispositivo palmare abbia i requisiti necessari per installare ArcPAD: in particolare che sia dotato di sistema operativo Windows Mobile versione 5.0, 6.0 e 6.1. (...e quindi iPhone e Nokia sono esclusi a priori!).
Nota: la versione 10 di ArcPad è "ufficialmente" certificata anche per Windows Mobile 6.5.
Potete trovare i requisiti completi (hardware e software) sul documento PDF che illustra l'installazione del prodotto.

Prima di proseguire, concedetemi una breve ma utile divagazione: leggevo oggi su un forum GIS l'appello di un utente che, in previsione di effettuare alcuni rilievi sul territorio, chiedeva suggerimenti per valutare l'installazione di ArcPad su un palmare di fascia professionale (es: Trimble) piuttosto che sul PDA già in suo possesso (tra l'altro pienamente compatibile con ArcPad). Il suo dubbio, motivato anche da alcune opinioni ottenute da operatori del settore, era che la soluzione "economica" non fosse adatta ai suoi scopi. Non essendo iscritto a quel forum non ho potuto fornire la risposta che, alla luce di questo articolo, mi sembra la più ovvia in assoluto, ovvero: scarica la demo, installala sul tuo palmare ed esci a simulare il tuo rilievo! Quale test può essere più oggettivo?

Giusto per rimanere sull'argomento, vorrei indicarvi quelli che a mio avviso sono i parametri più importanti sui quali impostare la scelta del palmare più adatto ai vostri scopi.
Lo faccio a partire da un esempio concreto, ovvero dal modello che da circa un anno proponiamo ai nostri clienti: si tratta del PDA Phone HP iPAQ 614c che vedete rappresentato nella figura iniziale che trovate ben descritto al seguente link http://h10010.www1.hp.com/wwpc/it/it/sm/WF05a/215348-215348-64929-3352590-3352590-3544358.html
La foto non rende bene, potete però intuire che l'immagine rappresentata sullo schermo si riferisce, purtroppo, alle aree terremotate dell'Abruzzo. Nel caso specifico il PDA, essendo dotato di telefonia (quindi di connessione internet) sta caricando via web le ortofoto pubblicate dal PCN, argomento di cui parlo nel mio articolo del 22 aprile.
Continua...

Qualche mese ci siamo "divertiti" a tradurre il documento in cui ESRI che illustrava le novità di ArcPad 8, una lettura interessante che trovate pubblicata nel blog del mio socio ovvero cliccando sul seguente link http://nicogis.blogspot.com/2008/12/arcpad-8.html

Per ora vi lascio, l'ora è tarda e la sonnolenza si fa sentire....
Se avete fretta di provare questa nuova versione e non volete attendere le mie prossime "puntate", vi suggerisco di consultare la pagina web che ESRI dedica ad ArcPAD, troverete tutte le indicazioni per poter proseguire nelle vostre prove.

Saluti
PaoloGIS

95 commenti:

  1. ciao paolo intanto volevo farti i complimenti per il blog che curi che sembra molto interessante, inoltre provo un po di invidia per uno come te che gia dimostra una notevole conoscenza del "mondo" gis quando io ancora provo molte frustrazioni...ihihihi...finita diciamo questa fase di "adulazione" ti scrivo per chiederti qualche suggerimento in merito a delle questioni che sto affrontando sperando che tu mi possa aiutare...sto per svolgere la tesi di dottorato e il tema della mia tesi riguarda uno studio sui sentieri escursionistici nelle riserve, in breve nn ti spieghero cosa mi accingo a fare ma faro largo uso dei gis come mezzo di pianificazione e di confronto con la realta gia esistente...diciamo che dovro andare sul campo per fare determinati rilevamenti riguardo al territorio che sto studiando rispetto alla litologia, altimetria, geomorfologia...un sacco di cose...ora io ho pensato che l'ideale sarebbe costruirmi un modello tramite arcgis utilizzare quindi arcpad su un palmare che attraverso un form prestabilito da me mi permetta di aggiungere confrontare e quant'altro i dati direttamente presi sul campo. le mie questioni sono:
    1)dovento fare dei rilevamenti diciamo abbastanza precisi (alcuni metri di errore potrebbero gia compromettere il mio lavoro) che GPS mi consigli?parlo del palmare o cmq una soluzione abbastanza professionale
    2)arcpad si integra perfettamente con il discorso che sto facendo?
    3)ultima questione: se volessi realizzare questo stesso lavoro mandando pero i dati direttamente ad un server che me li pubblichi in rete che posso utilizzare?mapserver? devo per forza cioe utilizzare qualche altro software della casa esri che come ben sai sono molto costosi o posso trovare qualche soluzione open source che si integri perfettamente a arcpad

    grazie anticipatamente fabio

    RispondiElimina
  2. Ciao Fabio e scusami per il ritardo con il quale ti rispondo, mi dispiace veramente ma sono in un periodo denso di impegni.
    Anche la risposta ai tuoi quesiti meriterebbe un gran bel discorso... per ora accontentati di qualche rapida "dritta", ti prometto che affronterò meglio l'argomento ArcPad+GPS entro l'estate.
    Innanzitutto 2 considerazioni di carattere generale:
    A - definisci bene i tuoi obiettivi... e anche i tuoi "limiti"...
    B - per spendere c'è sempre tempo!
    Mi riferisco in particolare all'accuratezza dei tuoi rilievi: alcuni metri è un pò generico... vista la particolare applicazione, a mio giudizio basterebbe un PDA Phone come quello indicato in questo post. Intanto vedi come si comporta, te la cavi con cica 300€ e al massimo lo recicli per la vita privata. Tieni presente che il modello descritto nel post inizia ad essere vecchiotto (ormai ha più di 1 anno!) anche se continua a darmi grandi soddisfazioni! Fossi in te prenderei un depliant di un centro commerciale e cercherei l'offerta più valida. Personalmente sono interessao al modello Omnia I900 di Samsung, mi sembra abbia ottime caratteristiche... ma ci sono parecchi altri concorrenti! Tieni resente che l'accuratezza del GPS dipende anche dalle condizioni in cui operi (ad esempio in un bosco) e comunque può essere migliorata utilizzando un software di post-processamento (ne proverò uno a breve...).
    ArcPad è certamente lo strumento più adatto, non ha rivali! Anche qui non ti costa nulla provare, scarica la demo e simula il tuo rilievo! Il vero salto di qualità lo ottieni però sfruttando al massimo l'interoperabilità tra ArcPAD e ArcView: 2 software fatti uno per l'altro.
    Per ora invece ti suggerirei di evitare il discorso web, direi che come "principiante" hai già molta carne sul fuoco e rischieresti di perderti. Comunque tieni presente che i software ESRI sono strumenti molto professionali e obiettivamente permettono di arrivare dove altri non osano... questa caratteristica ne motiva il costo che in realtà va interpretato alla luce dei maggiori risultati ottenibili e nel minor tempo necessario per ottenerli. Tieni inoltre presente che ESRI ha una politica educational molto, molto, molto competitiva: la tua università può acquistare ArcGIS Server ad un prezzo irrisorio(ArcGIS Server, guarda un pò, comprende il modulo "mobile": il futuro per quanto concerne il rilievo GIS sul campo) ... addirittura puoi chiederlo in prova a costo zero! Se ti servono informazioni chiamami in azienda...
    Per ora accontentati di queste "pillole", per un risposta più esauriente rimani però sintonizzato sul blog!
    Saluti
    PaoloGIS

    PS: se segui i miei consigli mi aspetto un resoconto su questo blog, nessun problema a pubblicare la tua esperienza...

    RispondiElimina
  3. grazie paolo, il discorso web in realta era e rimane un discorso diciamo "teorico" cioe nn rappresenta il punto principale della mia tesi, è piu che altro un idea legata a futuri approfondimenti con l'universita stessa quindi tutti i discorsi relativi ai costi sono efettivmanete legati al mio dipartimento, come vedo quindi documentandomi meglio potro trovare delle soluzoini piu economiche (ho gia contattato dei fornitori ed effettivamente per arcgis server educational mi hanno fatto un preventivo molto piu basso di quello che pensavo..), cmq ora sto cercando di documentarmi sullo stato dell'arte, per il discorso prova su campo passera penso qualche mesetto durante il quale decidero anhce che software e palmare prendere, sono gia quasi sicuro cmq per l'accoppiata che dici tu arcpad+arcgis, in effetti il secondo lo conosco abbastanza bene e immagino che arcpad sia user friendly quindi...mi interessa il discorso di software post-processamento, in futuro sento che ti stressero molto a riguardo..ah ah ah ...cmq ti ringrazio veramente per i consiglio, mi tengo in contatto e ti comunichero i miei futuri dubbi nonche decisioni e strategie riguardo a questo lavoro...grazie a presto fabio

    RispondiElimina
  4. buonasera Paolo,
    ho trovato il tuo blog in rete facendo ricerche per un progetto che sto avviando.
    provo a sottoporti il mio problema:
    devo organizzare un kit di rilevamento per georeferenziare la disposizione di un certo numero di cartelli turistici, partendo da un cartografico che esporterei da Arcview, intendo muovermi in auto e individuare i punti, fare una foto e compilare una scheda tecnica
    il materiale verrà poi esportato nuovamente in Arcview e stampato in PDF per fornire questi dati a chi dovrà installarli.
    Devo quindi acquistare un tablet, dove penso di far girare la cartografia, un GPS da collegare in BT e una fotocamera sempre BT.
    il puno che ancora non ho chiaro è il trasferimento dati tra Arcview e Arcpad se puoi darmi info e magari un consiglio per un tablet non troppo caro e un GPS BT ...
    grazie

    RispondiElimina
  5. Ciao, secondo me ti stai complicando la vita!
    Perché non provi ad effettuare il rilievo acquistando semplicemente un palmare PDA-phone e provando, giusto come test, la versione dimostrativa di ArcPAD 8? Te la cavi con 400-500€ e probabilmente sei già “quasi” a posto!
    Il tutto esattamente come ho illustrato in questo post. Risparmieresti soldi e saresti molto più "operativo". Vuoi mettere un piccolo PDA con tutto integrato (GPS e fotocamera) con un sistema composto da tablet+gps+fotocamera! Inoltre ArcPAD associa le foto direttamente ai punti inseriti in mappa.
    Fidati: è un'applicazione tipica!
    Per il trasferimento dati tra ArcView e ArcPAD, esistono in ambiente ArcView 2 toolbar apposite: "ArcPAD" e "ArcPAD data manager".
    Tieni presente che l'argomento è ben illustrato nella guida in linea di ArcView (libro "Mobile GIS" - capitolo "ArcPAD Integration").
    Altre informazioni sulla guida in linea di ArcPAD e sulla relativa documentazione, scaricando la demo troverai anche questi documenti.
    Come alternativa, se proprio vuoi usare un tablet PC, ti consiglio però di utilizzare direttamente ArcView, quindi senza perdere tempo con ArcPAD: che senso avrebbe? ArcView infatti può gestire tranquillamente un GPS attraverso la toolbar "GPS", inoltre c'è anche la toolbar "Tablet" che fornisce una serie di strumenti per interagire direttamente con lo schermo.
    In questo caso ti serve solo un ricevitore esterno, magari bluetooth come nelle tue intenzioni. Su questi dispositivi non ho grande esperienza, ce ne sono talmente tanti! Costano poco e hanno, più o meno, le stesse caratteristiche. Un po' di tempo fa ne volevo acquistare uno e alla fine avevo quasi deciso per il Royaltek RBT-2200 (circa 50€), trovi tutte le caratteristiche al seguente link http://www.royaltek.com/index.php?option=com_content&view=article&id=143&Itemid=100
    Per la fotocamera opterei per un prodotto standard, a mio avviso non è necessario che sia collegata al PC, la cosa importante è associare il nome del file al punto che rappresenta il cartello, operazione che si può fare tranquillamente a mano...
    Potresti anche provare con un semplice notebook, magari te la cavi bene! In effetti i tablet PC sono più costosi e forse l'acquisto non è conveniente se fosse solo funzionale a questo lavoro.
    Come ultima opzione ti suggerirei l'utilizzo di un Netbook, meno potente di un notebook ma più "portatile". Ovviamente vale lo stesso discorso: installa e utilizza direttamente ArcView, anche in questo caso ArcPAD non serve.
    Facci sapere come ti sei organizzato!
    Saluti

    RispondiElimina
  6. Ciao, sono un utente esri.
    Utilizzo i prodotti per lavoro, sia Arcpad che Arcmap.
    Bene, ho acquistato un samsung omnia i900.
    Bellissimo!
    Ho installato arcpad 7, ufficiale, nel senso che non è ne crakato ne demo.
    Carico tutti i miei layer, faccio per attivare il GPS....NON LO VEDE!!!! Potete aiutarmi? ho sbagliato qualcosa , secondo voi sulla configurazione delle porte sia di arcpad che del gps? Avete qualche parametro?
    Grazie Milla

    RispondiElimina
  7. Ciao,
    molto probabilmente NON hai impostato la porta COM corretta per ricevere il segnale GPS del tuo dispositivo (il mio usa la COM6, ma ogni palmare ha le sue caratteristiche...).
    Con riferimento al PDF "ArcPad Reference Guide",
    segui le indicazioni che trovi a pagina 40, in particolare prova a cliccare sul pulsante "binocolo" per avviare la ricerca automatica del segnale. A parte la "port", le mie impostazioni sono identiche a quelle indicate nella figura del manuale.
    Se non riesci con questa procedura prova ad impostare manualmente almeno le prime COM e poi avvia il GPS per verificare che il segnale venga ricevuto. Ovviamente devi eseguire le prove in un luogo ben "aperto", che assicuri la visibilità dei satelliti.
    Tieni anche presente che la prima volta potrebbe richiedere alcuni minuti, non ti spaventare quindi dei messaggi che appaiono in ArcPAD dicendoti che il segnale non viene "fissato" (NO CURRENT POSITION FIX AVAILABLE...). Se invece il messaggio ti avverte che nessun segnale viene rilevato (NO DATA IS BEING RECEIVED FROM...), vuol dire che devi modificare la COM.
    Se modificando la COM non riesci, prova anche ad accedere, attraverso il pulsante a forma di "porta seriale", alla scheda per impostare i parametri della COM, nel mio caso sono: baud 4800, parity none, data bits 8, stop bits 1, RTS control enable, DTR control enable, monitor CTS senza flag, monitor DSR senza flag.
    Se ancora non sei riuscito, fai un tentativo con un'altra applicazione che utilizza il GPS (es. TOM TOM) per sincerarti che il tuo dispositivo non abbia un difetto sul ricevitore GPS...
    Facci sapere
    Saluti

    RispondiElimina
  8. Caro Paolo! Innanzi tutto grazie, grazie mille. Ti spiego, ho seguito un pò i tuoi consigli ed ho aggiunto un pò di fantasia. Allora ti spiego, per ora l'antenna della samsung non la vedo in nessuna maniera. Ho riesumato una vecchia antenna bt della tom tom, ho settato il palmare in modo che vedesse , per lo meno l'antenna estera..... ed ecco il miracolo! Arcpad la vede (GRANDE ARCPAD!!!!). Ho tenuto conto del tuo consiglio sulla com6 ed ho impostato quanto mi hai suggerito.
    Il binocolo, se devo essere sincera, non ha mai funzionato.Purtroppo c'è un problema di proiezioni. Cioè la mia carta (sia la tabacco che la ctr sono riferite nel sistema Gauss Boaga), con un piccolo file ho inserito una proiezione adatta alla mia zona, fuso est (Trieste), su tutti gli altri palmari e pc portatili funzionava,mentre su questo benedetto Samsung la posizione del punto GPS se ne va verso Ovest (alla grande!). Dove sbaglio? Grazie ancora per i tuoi consiglio SUPER UTILI!!!

    RispondiElimina
  9. Ciao "Anonima",
    sono contento che il mio intervento sia servito a qualcosa... vediamo se riesco a completare l'opera!

    Innanzitutto mi sembra di capire che il GPS del tuo samsung proprio non voglia funzionare e ciò indipendentemente da ArcPAD. Non capisco però se hai fatto la prova che ti ho suggerito: mi sembra strano che su questo PDA non sia pre-installato un software di navigazione che ti permetta di essere certi che il tuo PDA abbia un difetto e, in tal caso, avvalerti dell'assistenza Samsung.

    Poi non capisco se hai provato ad utilizzare almeno le prime 10 porte COM: COM1, COM2, COM3...

    Per quanto concerne i sistemi di riferimento ritengo invece che il tuo problema sia dovuto al fatto che non hai impostato in ArcPAD la corretta trasformazione.
    Il procedimento per farlo è indicato nel capitolo 13 del manuale PDF "ArcPad reference Guide", in particolare alla pagina 136 (circa a metà della colonna di destra "ArcPad include two datum configuration files...").
    Per questa procedura occorrerebbe utilizzare il tool "Datum configuration tool" ma, sinceramente, sul mio PC non ha mai funzionato a dovere...

    Ti consiglio quindi una procedura alternativa a mio giudizio molto semplice: in pratica devi modificare il file Defaulttransforms.dbf che si trova nella cartella dispositivo>programmi>arcpad>system. Trasferiscilo sul tuo PC e, aprendolo con excel, vedrai una tabella di 3 colonne (TRANSFORM, DATUM_1, DATUM_2) contenente 2 trasformazioni, purtroppo adatte solo al contesto americano.

    Devi quindi aggiungere la trasformazione necessaria per il sistema Roma40 (MonteMario secondo dicitura ESRI), ovvero il sistema geodetico utilizzato dalla rappresentazione cartografica Gauss-Boaga.

    In pratica devi sostituire i dati presenti nella 2° riga con le seguenti stringhe:
    Monte_Mario_To_WGS_1984_4
    D_Monte_Mario
    D_WGS_1984

    Già che ci sei ti suggerisco di predisporre la trasformazione necessaria il sistema geodetico ED50, altro riferimento utile sul territorio italiano.
    In questo caso sostituisci i dati della 3° riga con le seguenti stringhe:
    ED_1950_To_WGS_1984_1
    D_European_1950
    D_WGS_1984

    A questo punto salva le modifiche mantenendo il formato DBF e trasferisci il file nella posizione originaria sul dispositivo.
    In questo modo ArcPAD sarà abilitato a trasformare i dati GPS, riferiti al sistema geodetico WGS84, nei 2 sistemi cartografici più utilizzati in italia.

    Tieni presente che la trasformazione avviene nel momento in cui la mappa di ArcPAD è impostata nel sistema di riferimento corretto, nel tuo caso Monte_Mario_Italy_2 (ovvero Gauss-Boaga fuso Ovest).

    Attendiamo notizie... magari non più da "Anonima" ma da iscritta al blog!
    Saluti

    RispondiElimina
  10. ...rettifico: Monte_Mario_Italy_2 equivale a Gauss-Boaga fuso Est.
    Lavorando principalmente su dati Lombardi mi era scappato un "ovest" di troppo.
    Sorry

    RispondiElimina
  11. Caro Paolo, a dire il vero ho una certa fretta sulla storia dell'antenna, per cui, per ora lavoro con un antenna esterna. L'altro problema, quello cioè del punto GPS sparato in Spgna (+o-) dipendeva dal DATUM. Ho messo in parallelo due arcpad, uno installato sul Portatile e quello installato sul palmare. Allora, premetto che il portatile lo collegavo , a suo tempo (con chiavetta b.t) ad un antennina, e facevo lo stesso lavoro che sto tentando di fare con il palmare,dopodichè ho acceso l'arcpad del palmare, cerca, cerca , cerca cerca..... che ti trovo? Quando sono andata a fare l'installazione dell'arcpad sul palmare , l'installazione stessa ha omesso di intallarmi la cartella delle proiezioni. Ho copiato e incollato questa cartella nella stessa posizione di dove si trovava sul portatile,ma nel palamre....ed ecco....come per miracolo, dopo un riavvio del palmare, la posizione giusta. Per cui il problema per ora è risolto. Dopo l'otto di novembre mi metterò a risolvere il problema dell'antenna, che tra l'altro, cercando in internet ho scomperto che tutti coloro che hanno acquistato il samsung stanno patendo per quest'antenna!!!Ora ho da rislvere la gestione della CTR in shp file. E' perfetta, ma troppo pensante da gestire sul palmare. Vado vedo come posso risolvere questo problema , e , se trovo qualcosa di nuovo ti/Vi faccio sapere. Buon inizio di settimana!
    Grazie ,come sempre ,Paolo, mi fai un pò d'invidia per quante cose sai! :-)!!!
    Shaula

    RispondiElimina
  12. Ciao,

    Problema con ArcPad7 installato su palmare Magellan:
    Ho creato in ArcMap un file .axf. In ArcPad7 su desktop riesco ad aprirlo, interrogo i dati e facci editing. Trasferisco tutto sul mio palmare GPS Magellan con Windows CE installato, ma, in ArcPad, non riesco più ad aprire il file axf, menttre con gli shp non ho nessun problema. Cosa manca? A qualcuno è già successo? Grazie Angela

    RispondiElimina
  13. Ciao Angela,
    oggi sono molto preso e non riesco a darti una mano (...tra l'altro ormai uso solo ArcPAD 8...) se non segnalandoti che sul supporto di Esri america sono presenti alcune discussioni che, a prima vista, dovrebbero servirti per risolvere il problema.

    Collegati a questo indirizzo http://support.esri.com/index.cfm?fa=search.results
    ed inserisci la stringa "afx" cone oggetto di ricerca...

    Facci sapere se hai risolto.
    Saluti

    RispondiElimina
  14. Ciao Paolo,
    complimenti per la tua splendida guida, mi è stata di grande aiuto. Ho installato ArcPad 8.0sp2 in versione demo su un HTC HD 2; vorrei sapere se ci sono limiti nella grandezza delle mappe, perchè ho provato a caricare una geotiff da una ventina di mega, e non appena tento di fare degli zoom stretti il programma va in crash. Ciò non accade con una geotiff da due, tre mega al max. Ti sarei molto grato se potessi fare per me questo riscontro, cioè caricare una geotiff di una ventina di mega o più e verificare che il palmare riesca ad effettuare il massimo dello zoom sulla mappa. Il mio HTC HD 2 monta WM6.5 professional, ho fatto anche il recente aggiornamento della rom all'ultima versione (1.66.408.1 ita). Grazie ancora per il supporto, Damiano.

    RispondiElimina
  15. Ciao Damiano e benvenuto nel blog!

    Appena posso farò la prova che mi chiedi anche se, al momento, il mio PDA è ancora quello raffigurato in questo post e il sistema operativo è Windows Mobile 6.1

    Abbiamo appena venduto ad un nostro cliente un Acer Neo Touch S200 con sistema operativo Windows Mobile 6.5 e, in effetti, qualche "problemino" si è manifestato anche a noi.

    In realtà, come ben specificato sul sito di ESRI, ArcPad 8.0 non è ancora certificato per la versione 6.5, neanche installando il service pack 2.
    Quindi i problemi potrebbero essere riconducibili a questo fattore...

    Per una prova "seria" sarebbe però meglio che mi inviassi direttamente la tua immagine, ovviamente zippata.

    Nel frattempo ti chiedo di iscriverti PUBBLICAMENTE al blog, mi raccomando!
    Saluti

    RispondiElimina
  16. Ciao Paolo,
    ti ringrazio per la celere risposta, mi iscrivo quanto prima al blog e poi al limite posto una geotiff in modo che tu possa farmi la cortesia di provarla per me.

    Cordialmente, Damiano.

    RispondiElimina
  17. Dimenticavo: hai provato a caricare la stessa immagine utilizzando ArcPAD direttamente sul PC?
    Non è una prova molto indicativa, ma se l'applicazione andasse in crash anche qui (in realtà ne dubito...), allora potremmo escludere che il problema sia legato a Windows Mobile 6.5, o alle capacità, ovviamente ridotte, del PDA.

    RispondiElimina
  18. Ciao Damiano, ti segnalo che ieri ESRI ha rilasciato il Service Pack 3 di ArcPAd 8.
    Il supporto di Windows Mobile 6.5 non è ancora certificato, fossi in te però lo proverei: magari risolve il tuo problema...
    Il link per il download è: http://support.esri.com/index.cfm?fa=downloads.patchesServicePacks.viewPatch&PID=26&MetaID=1597
    Ricordati l'iscrizione al blog!
    Saluti

    RispondiElimina
  19. Grazie Paolo, eccomi loggato con il mio account. Saluti, D.

    RispondiElimina
  20. Ciao Paolo, dagli ultimi riscontri con ArcPad 8 Sp3, devo dire che in particolare sulle geotiff che vanno in crash facendo operazioni di zoom o altro, poco è cambiato, nel senso che ho i medesimi problemi. Mi chiedo se vi siano utenti che usano ArcPad 8.0 su un palmare con Wm 6.5....perchè a questo punto non so proprio come uscirne fuori!

    Saluti e grazie, D.

    P.S. La stessa geotiff che sull'HT manda in crash il software, caricata su ArcPad dal PC funziona senza problemi, infatti ho provato a stressare un po il software con Zoom a ripetizione, ma tutto fila liscio. L'unica stranezza è che la gestione dell'immagine sul PC sembra molto più rallentata che sul palmare, nonostante il test sia stato fatto su un PC di ultima generazione Intel i920 con 6Gb di Ram e scheda madre Gigabyte!

    RispondiElimina
  21. Consolati!
    AL mondo c'è almeno un altro utente nelle tue stesse condizioni:

    http://forums.esri.com/Thread.asp?c=34&f=2461&t=300302

    Per trovarlo ho inserito la seguente stringa "Geotiff ArcPad 8 crash" su http://support.esri.com/

    Ho letto velocemente il fraseggio e mi sembra che il problema sia stato risolto.

    Attendo conferma e, in caso di soluzione positiva, una sintesi della stessa... NEL VERO SPIRITO DI QUESTO BLOG!

    In caso negativo inviami l'immagine incriminata, una soluzione la troviamo di sicuro...
    Saluti

    RispondiElimina
  22. Rileggendo meglio, mi sembra invece che non abbia risolto...

    La cosa strana è che l'utente americano utilizza il tuo stesso PDA, il che mi fa pensare ad un problema legato proprio al dispositivo.
    Ricordati che, volendo, posso fare una prova su quel PDA Acer di cui ti accennavo qualche commento fa.

    Hai già considerato la possibilità di utilizzare un altro formato per l'immagine, in effetti ArcPAD ne gestisce diversi.

    "ArcPad supports the following raster image formats:

    Graphic Interchange Format, or GIF (*.gif)
    JPEG (*.jpg)
    JPEG 2000 (*.jp2)
    MrSID Generation Two, or MG2 (*.sid)
    MrSID Generation Three, or MG3 (*.sid)
    Portable Network Graphics, or PNG (*.png)
    Tagged Image File Format, or TIFF, including GeoTIFF (*.tif)
    Windows Bitmap (*.bmp)
    CADRG raster maps

    The supported compression methods for GeoTIFF are the following:

    None
    LZW
    CCITT Group 3
    CCITT Group T.4
    CCITT Group T.6
    ZIP-in-TIFF
    Packbits

    Additional raster data formats can be supported via ArcPad extensions."

    Per informazioni più dettagliate fai riferimento al seguente link: http://webhelp.esri.com/arcpad/8.0/referenceguide/

    Non sarà per caso un problema di compressione?
    Di solito io utilizzo il metodo LZW...
    Saluti

    RispondiElimina
  23. Ciao Paolo e grazie ancora per l'intervento, sto partecipando a quella discussione con attenzione, ho fatto tutti i tentativi descritti e anche quelli da te citati, rifacendomi anche alle specifiche del manuale di ArcPad 8. Il software crasha con qualsiasi file immagine che lo solleciti troppo, quindi mi viene da pensare che il problema possa magari essere ricondotto alla non totale compatibità di ArcPad 8 con Windows Mobile 6.5. Qualcosa non va nel verso giusto, forse l'allocazione della memoria quando vengono gestiti files immagine di una certa grandezza. l'HTC HD2 ha tutti i requisiti hardware minimi necessari per far funzionare ArcPad tranne l'OS.
    La cosa che non capisco è, come mai il 12 Febbraio 2010 è stata rilasciata una SP3 che non supporta ancora WM 6.5...è veramente molto strano!

    Grazie ancora, D.

    RispondiElimina
  24. Ciao Paolo, scusa se ti chiedo un aiuto su ArcPad. (sono nuovo del tuo blog, appena posso mi iscrivo! )
    Ho un HTC HD con WM 6.1.
    Ho la demo di ArcPad, la installo sul PC, provo a installare il cab sull' HTC ma a metà installazione si blocca e dice installazione non possibile (scheda da 8GB ! ) e nemmeno sulla memoria del dispositivo.
    Hai idee di cosa possa essere ?
    Ho provato più volte, resettando e riinstallando tutto (da Windows 7).
    Grazie del tuo aiuto (se hai idee).

    Giampaolo

    RispondiElimina
  25. Ciao Giampaolo,
    ho verificato i requisiti di ArcPAD 8 alla seguente pagina http://wikis.esri.com/wiki/display/apsr/ArcPad+Requirements e Windows 7, nonostante sia "menzionato", non sembra essere supportato.

    Secondo me ti conviene tentare l'installazione da un altro PC (XP o Vista), verificando così se il problema risiede nel dispositivo o nel sistema operativo.
    A mio avviso è più probabile la seconda ipotesi, ci sono infatti altri utenti che utilizzano ArcPAD 8 sul tuo stesso palmare, vedi ad esempio http://forums.esri.com/Thread.asp?c=34&f=2461&t=291343

    Facci sapere! E iscriviti...

    RispondiElimina
  26. Grazie Paolo, ma ho scoperto che era un problema del mio telefono.
    Ho fatto un bel Hard Reset e ora funziona tutto a meraviglia.
    Colgo l'occasione per chiederti 2 cose (essendo nuovo ad arcpad):
    - come faccio a leggere le *.ecw ? (ho trovato un plugin ma solo per la versione 6.0 e non sembra funzionare)
    - Posso collegarmi direttamente con il palmare al sito PCN per vedere le ortofoto ? (ho un contratto dati).

    Grazie della disponibilità

    Ciao Giamapolo

    RispondiElimina
  27. Ciao Giampy, non ti vedo ancora tra gli iscritti, o sbaglio?

    Le immagini ECW non sono supportate da ArcPAD a meno di non utilizzare il plug-in che citi nel tuo commento.
    Sinceramente non ho mai utilizzato questo formato su ArcPAD e non saprei indicarti se esiste una versione più recente.
    Se invece chiedi a Massimo Zotti di Planetek (www.massimozotti.it)- lo trovi anche tra gli iscritti al blog - sono certo che potrà fornirti indicazioni attendibili e di "prima mano".

    In alternativa ti consiglio di trasformare le tue immagini ECW in un altro formato, ad esempio JPEG2000, semplicemente utilizzando lo strumento "raster To Other Format" che trovi nel toolbox di ArcView (più precisamente in Conversion Tools -> To raster).

    La risposta al tuo secondo quesito è invece positiva: ti basterà cliccare su "Add Data From Server" (la trovi tra le voci disponibili sotto al pulsante di aggiunta dati), scegliere "ArcIMS Image Service" nella prima tendina, inserire la seguente URL: www.pcn.minambiente.it
    ArcPad ti mostrerà la lista di tutti servizi esposti dal PCN (servizi di mappa ArcIMS) e avrai l'imbarazzo della scelta!

    Saluti

    RispondiElimina
  28. Ho appena scaricato ed installato il Service Pack 3, ovvero la versione 8.0.3 di ArcPad.

    Ne approfitto quindi per segnalarvi, contrariamente a quanto avevo affermato il 10 marzo, che questa versione è pienamente compatibile con Windows 7.

    Al momento invece, come segnala Damiano, non risulta "ufficialmente" supportato Windows Mobile 6.5.
    L'utilizzo di ArcPad in questo ambiente è comunque possibile anche se, purtroppo, non si ha garanzia che tutto funzioni a dovere...

    Saluti

    RispondiElimina
  29. Confermo! Aspetto con ansia il Service Pack 4 che immagino, non arriverà prima di quest'estate, vista la cadenza degli aggiornamenti.

    Saluti, D.

    RispondiElimina
  30. Gentile Ing. Giussani, mi sono appena iscritto al blog, intanto volevo subito ringraziarti per la disponibilità che dimostri nel rispondere a tutti i post che ti arrivano. Ti giro subito, per non farti perdere tempo, la domanda che ti vorrei fare. L’argomento l’hai già affrontato in parte nel post del 18 aprile 2009, però come tu stesso dici non sei mai riuscito ad ultimarlo, e riguarda LA SCELTA DEL PALMARE GPS. Ti faccio questa domanda perché è da un po’ che cerco di chiarirmi le idee consultando internet e chiedendo in giro (purtroppo esistono poche persone preparate in questo campo) ma ancora non sono riuscito ad arrivare ad un risultato certo. Ti dico le caratteristiche che io ricerco in un palmare: 1) non mi interessa una precisione assoluta, è più che sufficiente la precisione di 5-10 metri; 2) che sia un palmare “tascabile”; 3) Possibilmente che riceva abbastanza bene anche sotto la chioma degli alberi; 4) Lo compro per uso personale, non vorrei spendere soldi per avere un palmare GPS scarso e poi doverne comprare un altro magari più professionale, tuttavia non vorrei spendere tantissimo (massimo 1000 euro). Ho visto che sul mercato si possono reperire sia palmari cosiddetti professionali (es trimble Jumo o Mobile Mapper 6) abbastanza costosi, sia dei telefonini (smartphone) dotati di gps (ho notato in particolare Acer neo touch che sembra avere delle caratteristiche interessanti, display 3.8, processore 1Ghz, antenna sirfstar3, buona memoria ed espandibile, windows 6.5 (spero vada bene con Arcpad!)). Vorrei sapere cosa ne pensi e cosa mi consigli, e se per caso hai del materiale (o esperienze personali) in cui si confrontano le caratteristiche e la precisione dei palmari professionali con gli smartphone. (molti liberi professionisti che utilizzano il gps mi hanno consigliato a priori quelli professionali semplicemente perché non conoscono le caratteristiche degli smartphone!). Ti rigrazio per l’attenzione e per la tua pazienza. Cordiali saluti Mans

    RispondiElimina
  31. Ciao Mans e benvenuto sul blog!

    Provo a darti qualche "dritta", premetto però che il mondo dei PDA è talmente ampio e in costante evoluzione che nessuno - ribadisco nessuno - può avere quella "visione d'insieme" necessaria per consigliarti il prodotto ottimale...

    Da parte mia posso dirti che recentemente ho venduto proprio un Acer Neo Touch ad un mio cliente, verificando personalmente la bontà del prodotto.
    Ti segnalo però che ArcPAD (come puoi leggere anche nei commenti qui sopra) non è ancora "certificato" per Windows Mobile 6.5, anche se presumo lo sarà a breve...
    Inoltre ho verificato che la fotocamera NON è pienamente gestita da ArcPAD, nel senso che l'assegnazione della foto agli oggetti inseriti in mappa (tipicamente "punti") non avviene in automatico, occorre intervenire "manualmente".

    Aggiungo anche che alcuni lettori del blog (vedi sopra) utilizzano i PDA HTC e mi sembrano soddisfatti... perchè non chiedi un consiglio anche a loro?

    In realtà se vai a "spulciare" le caratteristiche tecniche - intendo a parità di prezzo e "generazione" - scopri che, più o meno, tutti i PDA si assomigliano.
    In particolare quasi tutti utilizzano il famoso chipset GPS SirfStarIII, praticamente il dominatore assoluto di questo settore.

    Tieni presente che domani - ma forse già oggi - verrà rilasciato un PDA ancora migliore...

    Se invece vuoi andare su un prodotto più "professionale", ti suggerirei, oltre al Juno, di verificare le caratteristiche del Nautiz X7 (www.handhelditalia.com).
    Mi sembra un ottimo prodotto ma il costo di listino è di circa 1.500€, qualcosa di meno se lo acquisti direttamente da noi...

    Ma la vera domanda è cosa si intenda per "professionale"?
    Sfatiamo un mito: i PDA "commerciali" hanno sicuramente prestazione generali migliori (vedi processore) e, a parità di componenti, costano molto meno (considera che sia il Juno che il Nautiz adottano il SirfStarIII!).

    Sono invece "inferiori" in termini di "robustezza" e autonomia, due caratteristiche fondamentali per utilizzare il palmare come "vero" strumento di lavoro (ad esempio sotto la pioggia...).
    Quanto pesano queste caratteristiche dipende, ovviamente, da te.
    Ribadisco però che il Nautiz rappresenta oggi - ma in realtà dovrei dire "3 mesi fa" (periodo in cui ho fatto la mia analisi) - una scelta molto valida: un buon pacchetto che però, per chiarezza, NON ho ancora testato personalmente.
    Il JUNO ha invece caratteristiche hardware inferiori, considera però che Trimble è una "potenza" nel settore GPS e, ad esempio, realizza una serie di software (ovviamente a pagamento) che completano e migliorano le funzionalità GPS dei suoi prodotti .

    Spero di aver risposto...
    Saluti.

    RispondiElimina
  32. Ciao a tutti, come mi ha consigliato Paolo, provo a girare la domanda a tutti i componenti del blog, vorrei sapere che tipo (marca e modello) di PDA utilizzate per i vostri rilievi, se funziona bene e in particolare se ArcPad vi crea problemi con Windows 6.5. Io sto pensando di acquistare un Acer Neo Touch, qualcuno lo sta già utilizzando? Grazie a tutti, in particolare a Paolo ciao Mans

    RispondiElimina
  33. caro Paolo, ringraziandoti per il prezioso supporto, torno a scriverti in seguito all'acquisto di un gps. In sintesi sono in difficoltà sulla gestione dei sistemi di riferimento e avrei bisogno di un po' di assistenza teorica. Il GPS funziona in coordinate geografiche wgs 84, quindi come faccio a relazionarmi con i miei standard di lavoro in "projected coordinate system" wgs 84 utm 33 N? grazie e buon lavoro

    lorenzo

    RispondiElimina
  34. Salve volevo segnalare che il gps del samsung i900 va bene con arcpad 8 mentre con arcpad sette non riesce a comunicare

    RispondiElimina
  35. Ciao Paolo, ti scrivo in seguito all'evoluzione dei miei problemi con arcpad, diciamo che ho realizzato finalmente la differeneza tra coordinate geografiche e proiettate(nonostante me lo avessero spiegato (libri e persone) tante volte. sono stato in campo per il mio primo rilievo con il trimble juno, (per ora una bomba), solo che non riesco ad esportare con l'arcpad tool, file shape da arcmap o meglio esporto i file, ma senza record, infatti su arcpad visualizzo solo i raster. c'è una causa ricorrente o mi tocca di provare a reinstallare tutto?
    grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
  36. Salve a tutti,
    segnalo l'uscita di ArcPad 10:

    http://www.esri.com/software/arcgis/arcpad/whats-new.html

    con diverse innovazioni, primo fra tutti il supporto per windows mobile 6.5:

    http://www.esri.com/software/arcgis/arcpad/system-requirements.html

    Speriamo che, rispetto al problema delle geo tiff che mandavano in crash il programma sul mio htchd2, qualcosa sia migliorato.
    Sto scaricando or ora, la versione di prova!

    Saluti, D.

    RispondiElimina
  37. Caro Paolo, finalmente sembra che con la versione 10 di ArcPad, i problemi relativi ai continui crash durante il caricamento, o lo zoom delle immagini di un certo "peso" , siano stati risolti.
    Nonostante l'elaborazione, sembra che "arranchi" un pochino (nonostante l'HTC HD2 sia munito di un processore da 1ghz e 480Mb di memoria) il tutto pare essere molto più stabile della precedente versione 8Sp3, almeno su questo supporto.
    Ho fatto continui zoom, e ho stressato il programma più volte, nell'intento di replicare il precedente problema, ma tutto fila nel verso giusto, quindi non posso che lasciare il mio plauso, alla ESRI per questa nuova e performante versione di ArcPad!

    Saluti, D.

    RispondiElimina
  38. Ciao a tutti,
    anche se con un "leggero" ritardo, tento di rispondere alla problematica sollevata da Lorenzo il 23 luglio scorso.

    Leggendo il suo commento immagino che Lorenzo se la sia cavata adottando la procedura più "classica", ovvero esportando i dati senza ricorrere agli strumenti presenti nelle toolbars "ArcPad" e "ArcPad data Manager".

    Premesso che le indicazioni fornite da Lorenzo non consentono una "diagnosi" più seria, ritengo che la risposta ai suoi problemi possa essere ricercata nell'articolo tecnico consultabile al seguente link:
    http://resources.arcgis.com/content/kbase?fa=articleShow&d=36035

    In alternativa a quanto sopra, mi sorge il dubbio che Lorenzo non imposti correttamente le opzioni che regolano l'esportazione dai dati (ad esempio attivando il flag "Only check out schema of layers (no data will be checked out)") oppure eseguendo l'export in modo non congruente alle impostazioni correnti (ad esempio senza effettuare selezioni laddove sia attivato il flag "Only get selected features").

    Ovviamente si attendono - da Lorenzo - conferme e/o smentite.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  39. purtroppo mi tocca di smentire tutto, i flag sono tutti unchecked, proprio per evitare eventuali problemi e da qui si evince che uso l'arcpad toolbar per l'export. A questo punto provo a riproporre i problemi che ancora non riesco a risolvere.
    per ora, dopo aver esportato uno shape (creato in studio) sovrascivo solo il file.shp originale su quello esportato e ci ritrovo anche le feature editate. Per quanto riguarda i raster, per ora sono riuscito a visualizzare solo un catastale scaricato dal sister in pdf ed trasformato in tiff (credo bitmap), tutti gli altri file raster si concretizzano in un inutile rettangolo nero (tipo il dem scaricato dal pcn senza risettare la gamma dei colori)
    la cosa peggiore è che sembre che sul forum di esridipendente non interessi a molti l'argomento. grazie. Oggi provo ad installare la versione 10.
    lorenzo

    RispondiElimina
  40. Gentile, appassionato, competente Paolo, ho risolto tutti i problemi installando arcpad 10.0, da un lato mi dispiace di non essere passato per l'ardua strada dell'incocciamento fino alla risoluzione e quindi di non poter essere di aiuto a chi malauguratamente dovesse imbattersi negli stessi problemi, ma quanto sono felice di visualizzre la CTR con i catastali correttamente visualizzati e georiferiti, (appena in tempo per il prossimo sopralluogo su una montagna sicliana per uno studio di realizzazione di un parco eolico)
    Grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
  41. A caval donato non si guarda in bocca!

    In questo modo hai anche confermato le impressioni positive espresse da DamiGis sulla nuova versione di ArcPAD (vedi precedenti commenti).

    Un plauso anche al vostro atteggiamento - tuo e di DamiGis - nei confronti del blog:
    QUANDO SI TROVA UNA SOLUZIONE E' BUONA COSA CONDIVIDERLA... AL PARI DELLE CORRISPONDENTI RICHIESTE DI AIUTO!

    RispondiElimina
  42. Ciao Paolo. Innanzitutto ti ringrazio infinitamente per l'accoglienza e per le dritte. Riguardo ArcPad 10, ho appena appurato che il Pocket PC ha un Win Mobile 3 installato, dovrò passare alla versione 6 per provare ArcPad 10 (che in effetti non riuscivo ad installare!).
    Nella versione che ho io, non sono riuscito a trovare il file che indicavi da modificare (Defaulttransforms.dbf che si trova nella cartella dispositivo>programmi>arcpad>system), forse a causa del software obsoleto. In ogni caso, cerco di upgradare il Pocket PC e installare ArcPad 10. Vediamo se migliorano le cose!
    Mi permetto un'altra piccolissima domanda. Se volessi aggiungere tra i datum il (tanto odiato) Cassini-Soldner, come devo fare? Ho trovato il punto di emanazione per la mia zona su fiduciali.it, ma quando vado sulla pagina del mio paese, mi da 0,0 come false origini Est e Nord. Dove reperire quelle corrette?!
    Ti ringrazio.
    P.s. Accodo un altro commento, con la mia richiesta di ieri sera, magari può essere utile a qualcuno leggerla.
    Di nuovo grazie!
    Gabriele

    RispondiElimina
  43. Ciao Paolo,
    sono Gabriele, uno studente di ingegneria per l'edilizia ed il territorio nel polo di Rieti della facoltà della Sapienza di Roma.
    Ti scrivo in quanto mi è capitato più volte di leggere il tuo sito cercando qua e la su Google informazioni circa il GIS.
    Non ti sto a raccontare perchè, ma mi sono imbattuto anche io in questo mondo ed ora ho un piccolo problemino: mio zio, geometra, mi ha appena consegnato un Pocket PC iPaq con ricevitore GPS bluetooth. Io ci ho messo Arcpad dentro e volevo dargli una mano ad impararlo e magari farci qualche lavoretto.

    Vengo al dunque ed al mio problema: voglio capire se Arcpad funziona. Carico una CTR del mio paese (trasformata "artigianalmente da tiff a bmp, perchè Arcpad 6.0.1 legge i bmp ma non i tiff, semplicemente aprendo il tiff da Windows e salvandolo come bmp, e rinominando in tfw in bpw. Se sbaglio, dimmi come procedere!) su Arcpad e attivo il GPS: ed ecco subito che non sono, sulla carta, a casa mia, da dove sto ricevendo il segnale, ma mi trovo un po spostato.
    Dopo qualche minuto, l'intuizione: la CTR è nel datum ED50 UTM 33N, mentre il GPS riceve i dati in WGS84. Infatti la differenza non abissale, ma c'è. Sulle prime, l'idea è questa: trasformo la carta da ED50 a WGS84 e mi faccio la controprova. Poi però ragiono un secondo (portare un raster in un altro sistema di riferimento non è la cosa più facile!) e mi dico: "Se invece dicessi al GPS di lavorare con il datum della CTR? E così mi metto a cercare i datum che mi propone Arcpad. Trovo D_European 1950, D_European 1987 e D_European 1950_ED77. Provo con tutti e tre i datum, ma il segnale inesorabilmente resta "distante" da casa mia (in alcuni casi, D_European 1950 si allontana ancora di più rispetto al WGS84, in altri si sposta più o meno della stessa distanza, ma dall'altra parte rispetto a casa mia!). Vado ad indagare sulle cartelle di Arcpad e trovo il file che contiene tutte le definizioni dei datum. Mi studio queste tre e ne aggiungo una nuova: D_ED50, a cui do l'ellissoide internazionale 1924 (Hayford), i parametri a e 1/f corretti, il metodo "Geocentric_Translation" e le Dx, Dy, Dz (-87,-98 e -121 rispettivamente, tirate fuori dalla projection utility di arcview, adatte per l'Italia!), rotazioni pari a zero e fattore di scala di 0.9996.
    Quando, tutto gasato vado a riaccendere il Pocket PC, trovo il nuovo datum che ho definito per il GPS, lo attivo, ma purtroppo il risultato non mi conforta: il punto mi cade piu o meno dove cadono quelli che ottengo con i datum D_European 1987 e D_European 1950_ED77.
    A questo punto, armato di Traspunto, che trasforma i BMP-BPW, provo a cambiare il datum della CTR e portarla in WGS84: Traspunto sulle prime trova difficolta a fare un ricampionamento bilineare dell'immagine, quindi mi accontento di traslare solo il file BPW in WGS84. A questo punto, mettendo la nuova CTR sul Pocket PC e ricevendo il segnale in WGS84, ci sono quasi. I punti che vedo sulla carta, si avvicinano alla mia casa (con un'approssimazione di circa 5 m: è troppo?).
    A questo punto, la mia domanda è: se volessi lavorare su un'area vasta, devo ogni volta fare tutte le trasformazioni di CTR in tiff in BMP, poi convertire il BPW in WGS84, oppure c'è una definizione di datum in ED50 che ci può soddisfare davvero?

    Mi scuso per la complessità della mail, per la lunghezza e per la rottura di scatole! L'orario, poi, non mi aiuta davvero!!

    RispondiElimina
  44. Ciao Gabriele e benvenuto sul blog.

    Prima di approfondire, ti suggerisco di leggere la risposta che ho dato il 18 settembre 2009, un "commento" che dovrebbe risolverti il problema della trasformazione di datum WGS84-ED50, presunta responsabile del tuo "disallineamento".

    Fossi in te poi mi installerei subito la versione 10 (segui appunto le informazione contenute nell'articolo): ti ricordo infatti che la 6.0.1 è stata rilasciata nel 2002 e ufficialmente ritirata nel 2006. Nel frattempo molte cose sono cambiate, ad esempio la gestione di più formati raster...

    Saluti

    RispondiElimina
  45. ...in merito alla richiesta di gas1985 su Cassini-Soldner, ammetto di non aver mai affrontato il problema.

    Mi limito quindi ad una "libera considerazione": utilizzando un GPS di scarsa precisione, la soluzione più indolore potrebbe essere quella di trasformare il file Cassini-Soldner (immagino uno o più fogli catastali) in coordinate UTM ED50 o UTM WGS84.
    Ti basterà trovare coppie di punti "omonimi" servendoti della CTR che citi nel tuo primo commento, utilizzandoli poi come riferimento per la tua trasformazione.
    Mi rendo conto che NON è certo una soluzione "rigorosa", però l'errore commesso dovrebbe essere ben inferiore all'errore di posizionamento del tuo ricevitore GPS (5-10 metri).
    Il tutto salvo smentite...
    Facci sapere!

    RispondiElimina
  46. Ciao Paolo e ben tornato!
    ArcPad 10 funziona benone su Windows Mobile 6.5, come ho già scritto ho rilevato solo una maggiore lentezza nel caricamento delle mappe e la loro "messa a fuoco" ma in compenso, almeno sul mio dispositivo, tutto sembra più stabile, l'ho testato oramai in diverse occasioni e fino ad ora non ho ancora riportato neppure un crash, e questo mi sembra un dato da non sottovalutare!
    Volevo a questo punto, condividere una cosa che ho riscontrato "on the road" mi sembra che i dati riportati dall'altimetro, non siano molto attendibili, infatti in certi casi ho scarti anche di 30, 40 metri con dati certi, come riferimenti altimetrici conosciuti, certamente questo margine di errore, è soprattutto legato alla qualità dell'antenna satellitare integrata nel mio HTCHD2, ma mi sembra assurdo che sia così largo.
    A tuo avviso, c'è qualcosa che potrei fare per verificare di aver settato ArcPad in maniera giusta rispetto a questo parametro?


    Grazie ancora. Saluti, D.

    RispondiElimina
  47. Ciao Paolo. Torno per aggiornarvi. Purtroppo devo partire con una notizia che non ci piace. Il "mio" Compaq H3970 non consente l'upgrade a Windows Mobile 5 o superiori, almeno così sembra. Quindi addio ArcPad 10 ed 8 e mi devo accontentare del 6! Proprio in questo programma ho cercato il file per le trasformazioni di datum che mi indicavi tu, ma non ho trovato nulla. Quel che però ancora non capisco è questo errore di circa 5 metri rispetto alla posizione esatta in cui mi trovo sulla carta CTR che ho sotto. Ad essere precisi ho sovrapposto alla CTR che ha basso dettaglio uno shape di fabbricati del mio paese. Questo shape però l'ho trasformato manualmente da Cassini-Soldner a WGS4 manualmente con il software Ferens (della Regione Umbria, che permette però di lavorare anche nella mia zona, appena al confine), inserendo false origini "sperimentali", cioè modificate a mano, finchè non ho trovato buone approssimazioni. Ti dico questo perchè immagino che questo shape dei fabbricati non sarà precisissimo, in quanto frutto di una trasformazione tra due proiezioni completamente diverse tra loro. Però i 5 metri mi sembrano in ogni caso troppi. E ribadisco il concetto del mio primo messaggio: perchè se ricevo il dato dal GPS in WGS84, su una CTR convertita in WGS 84 ho 5 metri di errore, mentre se ricevo il dato dal GPS settando come datum European_1950 su carta CTR ED50, ho errori assurdi, di centinaia di metri (quasi come se Arcpad non si accorgesse che il dato lo voglio in ED50 e non WGS84)?

    Riguardo la trasformazione CS-WGS84, ho pensato anche io di fare una trasformazione di questo tipo, anche se non rigorosa, ma a questo punto mi accontento dello shape catastali che ho forzatamente riportato sul WGS84: inevitabilmente mi porto dietro errori di rotazione e soprattutto distorsioni che il CS cerca di minimizzare lavorando su aree piccole, mentre in WGS mi vengono esaltati! Ed è proprio l'errore di posizionamento del mio GPS che vorrei limare, senno che ci faccio con questi dati così sballati?

    Se sapete aiutarmi a sbrogliare questa matassa, ve ne sarò davvero grato!!!
    Buonanotte, Gabriele

    RispondiElimina
  48. Rispondo a DamiGIS relativamente alla differenza di quota rilevata nell'utilizzo del suo GPS.

    Mi sorge il dubbio - correggimi se sbaglio - che non stai considerando che la quota rilevata dagli strumenti GPS è sempre quella ellissoidica, riferita cioè al datum WGS84.

    Le quote indicate in cartografia - immaginando che siano questi i riferimenti altimetrici a cui fai riferimento - sono invece relative al geoide (quota ortometrica) e rappresentano il modo corretto per esprimere le quote dei punti.

    Tra i due valori esiste appunto uno scostamento - definito come "ondulazione" del geoide - variabile in funzione della zona in cui si opera.
    Sul territorio italiano l'ondulazione è sempre positiva (nel senso che la quota ellissoidica è sempre superiore a quella ortometrica) e arriva fino a circa 40 metri.

    Per conoscere con una certa precisione il valore di ondulazione nella zona di tuo interesse, dovresti far riferimento ai modelli di geoide disponibili sul territorio italiano (mi sembra che quello più recente sia ITALGEO 2005).
    Una rapida ricerca su internet dovrebbe permetterti di individuare il valore più corretto, ti basterà inserirlo nella scheda "GPS Height" delle preferenze GPS, per ovviare al problema...

    Ti consiglio però di evitare lavori di "fino": sia perchè il tuo GPS è comunque affetto da qualche metro di errore, sia perchè l'ondulazione del geoide presenta variazioni significative solo operando su aree molto estese.

    Saluti e buon rilievo!

    RispondiElimina
  49. Rispondo a Gas1985 in merito alle precisioni "planimetriche" ottenibili dal suo GPS.

    Immaginando - correggimi se sbaglio - che tu stia utilizzando un GPS "commerciale", devi considerare che questi strumenti hanno precisioni nominali di circa 10 metri.
    Le reali condizioni di utilizzo determineranno poi un miglioramento o un peggioramento di questo errore "strumentale": comunque dell'ordine di qualche metro.

    Nel secondo caso invece, l'errore è determinato dal NON poter impostare la trasformazione di datum in modo che ArcPAD ne tenga conto.
    Premesso che non ho mai fatto test con dati ED50, ti posso confermare che nel caso di riproiezioni da Gauss-Boaga a UTM WGS84 (quindi tra sistemi geodetici Roma40 e WGS84), le differenze rilevate - intendo senza applicare trasformazioni - sono dell'ordine di 100 metri.

    Impostando invece una trasformazione qualsiasi fra quelle disponibili in ArcGIS, l'errore si riduce a qualche metro.
    Il motivo di questo errore "residuo" è quasi sempre imputabile alle differenti caratteristiche dei tematismi caricati in mappa.

    Saluti.

    RispondiElimina
  50. Ciao Paolo, riguardo il GPS in uso, ho un Royaltek StarIII RBT-2100 Bluetooth:
    Precisione: Posizione - 10 m

    Riguardo il problema di lavorare in ED50 (per non star a modificare tutta la cartografia) su ArcPad 6, mancando il famoso file che gestisce le trasformazioni tra datum, come procedere? Ho provato a creare io stesso il file, ma non lo legge, ovviamente!
    Grazie!

    RispondiElimina
  51. Caro GAS,
    purtroppo - trattandosi di una versione così obsoleta - non posso aiutarti a verificare quanto affermi...

    La soluzione di trasformare in WGS84 tutta la tua cartografia ED50 mi sembra la strada più percorribile, magari utilizzando gli strumenti disponibili nella versione demo di ArcView/ArcEditor (vedi articolo del 30 agosto 2010).

    La soluzione più semplice - ma anche più economica (considera il tempo che stai perdendo!) - è invece quella di recarsi in un centro commerciale e prendere un nuovo PDA Windows Mobile sul quale utilizzare ArcPAD 10 (prima in demo e poi, ammesso che soddisfi le vostre esigenze, acquistando una licenza).
    Visto che il GPS già ce l'hai, dovresti cavartela con 200-300€, ancor meno se trovi qualche bella promozione.
    In realtà io acquisterei una PDA "completo" di tutto: GPS e fotocamera compresi.
    Ricordati - dillo anche a tuo zio - che "il tempo è denaro!".
    Saluti.

    RispondiElimina
  52. Caro Paolo, ti ringrazio per la cordialità e per i consigli che mi hai dato fino a questo momento.
    Le ultime novita sono queste: nella scatola dell'iPaq c'era anche un buon ricevitore GPS Navman, di cui però non riuscivamo con zio a trovare i driver. Dopo un po di ricerca, finalmente (alle 3 di notte) ho trovato qualcosa di utile. Morale: adesso lavoriamo con il GPS Navman che ha precisione di 5m piuttosto che i 10 del Royaltek. Siamo riusciti, dopo tanto lottare anche ad avere una correzione DGPS e percorrendo le strade del paese (con segnale 3D, senza ancora avere la correzione DGPS), abbiamo verificato che il segnale è ottimo e ben si adatta alla nostra CTR, la solita CTR trasformata in WGS84 cambiando i punti di inserimento del .bpw.
    Adesso combattiamo sull'ultimo piccolo problemino dell'altitudine, in quanto ci portiamo dietro l'errore di altitudine di 50m, che leggevo fosse tipico dell'Italia, nello scarto tra quota ellissoidica dell'ellissoide WGS84 (mondiale) e quota del geoide locale, e che però dovrebbe avere una correzione che devo ancora scovare nei meandri di Arcpad 6!

    Vorrei infine parlarti di una cosa che ti fa piacere: parlando dei miglioramenti di prestazioni che stavamo ottenendo grazie ai tuoi preziosi consigli, ho parlato a mio zio di questo splendido blog, accennando al fatto che un ingegnere di Monza lo gestisse con successo. Mio zio è rimasto interdetto per un istante e mi ha sparato due nomi a me non nuovi: Paolo Giussani e l'ing. Ciavarella, proprio quelli che avevo letto nella tua presentazione. Bene, tu e lui vi conoscete, lui è il geom. Brunelli, dello studio DALTAS di Contigliano. Mi ha raccontato di come avete collaborato più volte nel passato, riguardo i software ESRI e di come lui ti ha convertito delle cassette (di cui però non so essere più preciso su cosa fossero). Ti saluta caramente, e spera che non ti sia totalmente dimenticato di lui! :)

    Un caro saluto
    Gabriele

    RispondiElimina
  53. Ottimo!
    A questo punto la correzione dell'ondulazione dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Mal che vada si tratta di una costante da sottrarre a tutte le quote...

    In merito a tuo zio salutalo e digli che ci ricordiamo bene di lui: ai tempi era l'unico in Italia in grado di leggere le cassette rilasciate dagli uffici catastali e contenenti i files di mappa in formato NTF (così fughiamo eventuali dubbi sui contenuto delle "cassette"...).

    Buon lavoro!

    RispondiElimina
  54. Ciao Paolo,
    hai ragione centrando in pieno il problema...maldestramente non ho considerato questo aspetto!
    Ad ogni modo, ho cercato in rete per trovare informazioni, esistono dei software per effettuare la conversione, ma alcuni sono obsoleti e non funzionano sui recenti sistemi operativi, altri come Verto sono a pagamento e non c'è possibilità di testarli neppure in trial.
    Cosa consigli?
    Saluti, D.

    RispondiElimina
  55. ...come non detto, questo link mi sembra fare al mio:
    http://www.ultrasoft3d.it/Conversione_Coordinate.aspx
    cosa ne pensi?

    Grazie del supporto, D.

    RispondiElimina
  56. Non vedo - o non trovo - informazioni in merito al metodo e ai dati utilizzati da questa applicazione WEB.
    Considerato però l'errore "intrinseco" del tuo ricevitore, direi che ti puoi fidare senza troppi problemi...
    Saluti e buon lavoro

    RispondiElimina
  57. Ciao, ho un problema che non riesco ad inquadrare e risolvere: vorrei inserire della cartografia CTR regione lazio( formato tif e tfw in gauss boaga) in un progetto con coordinate UTM 32: come posso fare a passare da gauss a utm se la ctr è una immagine? come posso modificare il tfw? esiste un'altra strada? grazie, Piero

    RispondiElimina
  58. Caro Piero,
    dalla tua richiesta deduco che tu NON disponga di una licenza ArcView, o sbaglio?
    In effetti la risposta al tuo problema varia molto in funzione di questa condizione...
    In attesa di un tuo riscontro e nel caso non l'avessi già fatto, ti chiedo di iscriverti al blog.
    Saluti

    RispondiElimina
  59. Si che dispongo di una licenza di Arcview 8.3, ma non riesco a lavorare sulla ctr senza riferimenti ddi sorta che possano guidare nella trasformazione delle coordinate. Ho provato empiricamente a modificare il tfw (sia per la traslazione da 0,00 a 0,10 e con i due punti in alto a sinistra e in basso a destra, aggiungendo e togliendo metri) della ctr, ma senza un riscontro preciso non viene posizionata correttamente. Ho provato anche con traspunto (si pianta???)e verto (ma non ho i grigliati IGM): Dove sta la soluzione, grazie e mi iscrivo al blog, sicuro. Ciao Piero

    RispondiElimina
  60. Ciao Piero,
    avevo risposto al tuo commento al post del 30 agosto, pensavo lo avessi letto (vedi sotto).

    Per la conversione del sistema di coordinate, devi utilizzare il modulo ArcToolbox.
    In pratica devi accedere alla cassetta "Data Management Tools", quindi a "Projections and Transformations" e poi a "Raster". All'interno di quest'ultima cartella dovrai utilizzare lo strumento "Project Raster", il cui funzionamento è ben illustrato nella pagina della guida direttamente accessibile dall'interfaccia dello strumento stesso.

    Ti anticipo che l'utilizzo di questo tool è limitato ad un solo raster alla volta e poi - come pre-condizione - è necessario che ogni raster da processare sia già associato al sistema di coordinate "Monte Mario Italy 2".

    Per ottenere buoni risultati devi inoltre selezionare una trasformazione fra quelle disponibili nella corrispondente tendina.
    Se fossi in difficoltà su queste tematiche, ti consiglio di leggere gli articoli dedicati ai sistemi di riferimento (commenti compresi!).

    Aggiungo che quanto sopra fa riferimento alla versione 10 di ArcView. Sono certo che la stessa cosa valga per la 9.3 e 9.3.1, probabilmente anche per la 9.2...
    Più indietro fatico a ricordare... ti faccio solo notare che la tua licenza 8.3 risale al febbraio 2003!

    Un caro saluto e buona trasformazione di coordinate!

    RispondiElimina
  61. buongiorno, io ho un problema: non riesco ad utilizzare correttamente Arcpad 6 con il mio HTC HD2 per il fatto che è touch e con le dita non riesco a selezionare i menu. mio spiegate come fate???
    grazie a tutti
    Luigi

    RispondiElimina
  62. Caro Luigi,
    tieni presente che per la partecipazione "attiva" al blog è caldamente consigliata l'iscrizione ma - visto che sei nuovo - facciamo un'eccezione...

    Fossi in te utilizzerei però la versione 10 di ArcPAD.
    In tal caso troverai - sulla parte destra della toolbar principale - una minuscola freccina nera (veramente piccola!) che apre una tendina con diverse scelte.
    In fondo alla lista troverai la voce "ArcPad Settings" che apre le "ArcPad Options".
    Tra le possibili impostazioni troverai sia la "Toolbar button size" - che ti permette di variare le dimensioni dei pulsanti - che la "Drop down button size", che agisce invece sui menu a tendina.

    Qualcosa di analogo dovrebbe esserci anche per ArcPad 6, dovrebbe... tieni presente che è una versione molto datata!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  63. Gentilissimo Ing.giussani,ho installato arcpad10 versione demo sul mio palmare hp 614C,quando avvio il gps per la localizzazione sulla mappa,noto che la bussola,stando fermo,non fa nessun movimento,per cui,non ho una corretta visualizzazione del territori su cui mi trovo per effettuare una misurazione. Le sarei ggrado se mi potesse dare un suggerimento o altro. Grazie. Antonello

    RispondiElimina
  64. Ciao Antonello,
    la bussola del tuo dispositivo NON è di tipo magnetico ma si basa sulla variazione di posizione determinata tramite GPS.
    Occorre quindi un movimento significativo e rettilineo per consentire al dispositivo di determinare la tua direzione di spostamento.
    Solo grazie a questi dati ArcPAD potrà attivare la "funzione" bussola.
    Buon lavoro!

    PS: ma sei iscritto al blog???

    RispondiElimina
  65. Si questo lo avevo capito,ma come mai con l'asus A639 funziona anche quando mi sposto a piedi? non dovrebbe esserci lo stesso principio? arc pad l'ho installato su entrambi i palmari,e posso dire che sull'asus a 639 funziona meglio. Potrebbe essere che bisogna impostarli in maniera diversa? Poi, ho constatato che con ah 614C la posizione del gps è meno precisa dell'asus. Ci sono delle impostazioni diverse da impostare, o altro? Grazie

    RispondiElimina
  66. Il principio è lo stesso e ti assicuro che il nostro HP614c visualizza il nord anche quando ti sposti a piedi.

    Ovviamente lo spostamento deve essere significativo e comunque la precisione è direttamente proporzionale alla distanza percorsa, quindi alla velocità di spostamento.
    Considera anche che quando sei fermo, la scarsa precisione di questi ricevitori commerciali determina comunque un "falso" spostamento che, di conseguenza, produce un errore nella bussola.
    Avrai certamente notato che stando fermi su un punto con la funzione "tracking" attiva, si genera una nuvola di punti distanti tra loro anche 5 o più metri.

    Il fatto che ArcPAD funziona meglio sul palmare ASUS può dipendere da diversi elementi, in particolare le caratteristiche hardware del dispositivo e la versione del sistema operativo.

    In merito invece alla presunta differenza di precisione, immagino che tu abbia condotto una prova "in parallelo", ovvero con i due dispositivi contemporaneamente accesi sullo stesso punto.
    La "costellazione" dei satelliti visibili, ovvero la loro posizione rispetto al ricevitore, varia nel tempo e influenza - ovviamente - la precisione del posizionamento.
    In caso contrario la tua "impressione" potrebbe non essere vera...
    Anche il chipset del GPS potrebbe avere differenti caratteristiche, anche se mi sembra che entrambi i palmari montino il diffusissimo SirfStar III. Potrebbero però trattarsi di versioni differenti...

    Ciao
    PS: vedo che ti sei registrato...bravo!

    RispondiElimina
  67. Visto che il principio è lo stesso,sapresti dirmi per quale motivo il mio hp614C quando mi sposto a piedi non mi indica il nord? se mi sposto in auto tutto oK,altrimenti..NN
    Potrebbe essere un problema di mappe?

    RispondiElimina
  68. ...in realtà il mio HP segnala il nord anche se mi sposto a piedi e senza alcun layer caricato in ArcPAD.

    La bussola si attiva dopo uno spostamento di una ventina di metri e rimane attiva finchè continuo a procedere (la velocità segnalata è di circa 3-4 Km/h).
    Lo stesso ritardo che si ha nell'attivazione, lo si percepisce anche arrestandosi, nel senso che per alcuni secondi la bussola continua a funzionare indicandomi ancora la stessa velocità di spostamento. Si tratta evidentemente di un piccolo ritardo nell'elaborazione dei dati...

    Ribadisco quindi che il ricevitore GPS deve rilevare uno spostamento, significativo e costante, affinchè la bussola si attivi.

    A questo punto non saprei proprio cosa dirti...

    RispondiElimina
  69. Ok,ora la bussola parte,devo aspettare qualche minuto prima che si attivi,ma la mappa topo non si muove,solo il cursore mi indica il nord.E' normale? Grazie

    RispondiElimina
  70. Ho delle ortofoto agea ECW che vorrei visionare con arc pad10,mi diresti come fare? Grazie

    RispondiElimina
  71. Salve, potendo avrei anch'io una domanda.
    Premetto che devo acquistare un palmare e gps per rilievi in bosco non sono propriamente un neofita di gis e gps ma ho comuque qualche dubbio.

    Piuttosto che la soluzione che abbiamo ampiamente collaudato (validissima) di palmare hp ipaq 114"+"antenna bluetooth esterna fortuan slim con chipset sirf star III" preferiamo una soluzione unica. Tipo il palmare/gps che avevi consigliato tu (ipaq 614 b. navigator), unico difetto sono le dimensioni un pò ridotte del display.

    - Hai in mente un palmare con gps integrato ma con display più grande (a tutto schermo, come il suddetto ipaq 114)?
    -Altra domanda, la nostra fortuna slim sirf star III funziona piuttosto bene, l'antenna integrata sul ipaq 614 è di pari prestazione ?(magari una sirf star III?)
    -In caso non ci siano modelli integrati a display grande, sceglieremo cmq la soluzione combinata gps+palmare, in tal caso avresti qualche consiglio per l'antenna?
    Grazie mille

    RispondiElimina
  72. Ciao Paolo, ho istallato arcpad 7.1 su palmare iPAQ 2100, non riesco a far funzionare l'antenna gps ROYALTEK.
    Il palmare è accoppiato e il gps è connesso, ma non riesco a stabilire la posizione sugli ecw e shape file.
    Spero potrai aiutarmi,
    Grazie

    RispondiElimina
  73. Ciao Rocco, cosa intendi?
    ArcPad riceve il dato ma la posizione non ti torna, oppure proprio non ricevi alcun dato dall'antenna?

    RispondiElimina
  74. Il palmere vede il gps e si connette, ma quando vado ad attivare il gps su arc pad, non riceve alcun satellite. si credo sia un problema di antenna....

    RispondiElimina
  75. Hai impostato la porta COM corretta nelle "GPS preferences"?

    Qui sotto il link alla guida in linea per la versione 10:
    http://help.arcgis.com/en/arcpad/10.0/help/index.html#/GPS/00s10000001s000000/

    Ma perche stai utilizzando la 7.1???

    RispondiElimina
  76. Rispondo a Yuri con un pò di ritardo... scusami!

    Premesso che la maggior parte dei palmari/pda phone monta il chipset SirfStar III (nelle sue varie versioni/evoluzioni), direi che non dovresti incontrare problemi... semmai, rispetto allla vostra soluzione, dovrebbero migliorare le prestazioni generali.

    Il vero problema, oggi, è reperire palmari/cellulari con sistema operativo windows mobile! Requisito necessario per installare ArcPad.

    Sul mercato italiano ne trovi pochissimi, tra l'altro i più recenti hanno Windows mobile 7, sistema operativo per il quale ArcPad 10 non è certificato (vedi anche qualche commento qui sopra).

    Sulle antenne esterne ho poca esperienza, quindi evito inutili consigli...
    Mi sembra però che Royaltek sia un buon riferimento, qualche tempo fa stavo per acquistare anche io un RBT2200/2300.

    Ciao

    RispondiElimina
  77. La COM 1 della versione 10.1 non corrisponde alla COM 1 della versione 7.1 Ci sono tante porte nella gps preferences, non so quale impostare! Poi sul palmare nelle sezione GPS devo impostare porta dati gps e porta hardware gps, se gentilmente puoi trovarmi la soluzione....

    RispondiElimina
  78. Lavori tu al posto mio?

    Devi andare per tentativi... sul mio palmare è la com 6.
    Prova prima con la ricerca "automatica", spesso però non dà risultati.

    Ciao

    RispondiElimina
  79. Grazie Paolo,
    ma allora cosa consiglieresti? Ci sarà pure un palmare con SirfStar e un sistema operativo compatibile per ArcPad 10; intendo nell'attuale mercato dei phone/palmari. Curiosando tra MediaWorld -Trony non ho in effetti trovato granchè.
    In questo modo Esri rischia di rimanere fuori dal mercato degli home gps (gps economici), a meno che intenda fare cartello con Trimble, in questo caso si supera di gran lunga il budget che possiamo permetterci.
    Yuri

    RispondiElimina
  80. Riposto la domanda.
    grazie
    ciao

    RispondiElimina
  81. Ciao Paolo, ho installato arcpad 7 su un juno sb trimble...ho creato i miei shp in arcmap,importati su arcpad e ho rilevato dei punti con il gps su uno shp. Il problema è che quando vado a importare su arcpad gli shp, mi trovo un errore di circa 50 metri... come posso risolvere il problema?? ed è possbile che non riesco a caricare immagini tiff?? Grazie

    RispondiElimina
  82. ...7 !?!?!?!?
    ...mai sei sicura di questa scelta????

    Comunque: prima di approfondire (ovviamente - scusa la schiettezza - mi presto solo se installi la versione 10), ti invito a leggere la risposta che ho dato il 18 settembre 2009 (qui sopra! ...molto sopra...) ad una lettrice con un problema simile.

    Se non risolvi indicami quale sistema di coordinate hai associato allo shapefile e alla mappa di ArcPad, oltre alla trasformazione di datum impostata per la mappa.
    Quest'ultima impostazione è proprio l'indiziata principale del malfunzionamento che lamenti...

    Per aiutarti ti invio i link ad alcune pagine che trattano questo argomento nella guida in linea di ArcPad 10:

    http://help.arcgis.com/en/arcpad/10.0/help/index.html#//00s100000073000000

    http://help.arcgis.com/en/arcpad/10.0/help/index.html#/Datum/00s100000029000000/

    Quanto sopra, dando per scontato che ti stai riferendo a uno scostamento "planimetrico".
    Se invece fosse "altimetrico", leggi la risposta che ho dato a DamiGIS il 9 settembre 2010.

    In merito alle immagini TIF, fai attenzione al tipo e alla compressione: esistono diverse combinazioni e non tutte sono supportate.
    Per i dettagli vedi:
    http://help.arcgis.com/en/arcpad/10.0/help/index.html#//00s10000001r000000

    Facci sapere!

    RispondiElimina
  83. Ciao, posso connettere un distanziometro laser a arcpad 10??? e come potrei fare??

    RispondiElimina
  84. Certamente!

    tutti i dettagli sulla guida in linea, a partire dal seguente link:
    http://help.arcgis.com/en/arcpad/10.0/help/00s1/00s1000000zp000000.htm

    Qualche anno fa ci provai anch'io utilizzando un "disto", incontrai però qalche problemino di troppo con la connesione blutooth.

    PS: esci dall'anonimato!

    RispondiElimina
  85. grazie mille Paolo

    RispondiElimina
  86. Ciao Paolo, piccolo problema con arcpad 10..non riesco a vedere le ctr in arcpad quando rendo attivo il gps, sia sono in Monte_Mario sia in WGS84. Come mai??

    RispondiElimina
  87. ...dipende!
    Se quando non è attivo il GPS le vedi, allora direi che le tue CTR non hanno associato il sistema di coordinate, oppure ne hanno uno non corretto...
    Quindi il segnale GPS "centra" la mappa nel punto in cui ti trovi, peccato che le CTR stanno - erroneamente - in un'altra posizione!

    In caso contrario, hai scelto un formato raster non supportato da ArcPad... vedi guida in linea.

    In mancanza di altri elementi mi limito a queste due ipotesi, le cause, però, potrebbero essere anche altre...
    Facci sapere.

    RispondiElimina
  88. Scusate vorrei chiedere se qualcuno di voi ha installato arcpad su Samsung Omnia2. Il rpoblema che ho riscontrato è che il gps pur essendo visto dal programma non riesce a fare il fix dei satelliti. Ho provato a configurare i parametri del gps con un editor di registro ma niente.. (http://forum.hdblog.it/f64/primo-package-completo-funzionante-per-samsung-omnia2-landscape-12278/index12.html) Ho provato arcpad 8 e 10 ma il risultato è lo stesso. In precedenza avevo installato arcpad sy htc tytn2 e funzionava perfettamente..
    Saluti

    RispondiElimina
  89. correggo.. con quella configurazione sembra funzionare tutto. Vorrei un suggerimento per uno smartphone o un palmare su cui utilizzare arcpad10.

    RispondiElimina
  90. Bravo Daniele!
    Apprezzo molto chi non lascia questioni "aperte" sul blog...

    In merito al dispositivo da suggerirti, direi che la scelta sugli smartphone è ormai molto limitata dalla necessità di avere Windows Mobile 6.5 come sistema operativo.

    Sui palmari - quindi in campo professionale - questo sistema è invece ancora molto in voga e la scelta è molto ampia.
    I prezzi - ovviamente - salgono...
    Uno dei miei clienti utilizza il Nautiz X7 e si trova molto bene, altri - più "conservativi" - hanno il Juno della Trimble...

    Ti segnalo però un'alternativa che a mio avviso diventa sempre più interessante: un Tablet PC (ovviamente con sistema operativo Windows Seven) con installato ArcPad o, se hai già una licenza, direttamente con ArcView.
    Oppure, ancora, il client "Mobile" compreso in ogni licenza ArcView 10.

    Pensaci!
    PAOLO

    RispondiElimina
  91. A proposito del Paolo, del tuo ultimo commento, conosci un tablet PC con windows seven, munito di GPS e dimensioni 7''?
    Grazie
    Yuri

    RispondiElimina
  92. Ripeto il mio ultimo post, devo comprare al più presto uno smartphone con windows per installarci arcpad 10, o un tablet pc.
    Conoscete tablet PC con windows seven, munito di GPS e dimensioni piccole (tipo 7'')?
    Grazie
    Yuri

    RispondiElimina
  93. salve complimenti per il blog! una domanda: come si imposta la lingua italiana su arcpad 7?
    grazie

    RispondiElimina
  94. Caro "anonimo" (...azz!!!),
    la versione 7 è un pò datata, mi sembra però di ricordare che esistesse una scheda nelle opzioni generali di ArcPad, esattamente come per la 10.1:
    http://help.arcgis.com/en/arcpad/10.0/help/index.html#//00s10000005p000000
    Ciao

    RispondiElimina

AREA FORUM (vedi anche post del 10/1/2014)

Post più letti nell'ultimo mese: